La GIURIA

STRISCIA 3 ALTO

Ornella Albanese


Presidente di Giuria


È nata a Giulianova, in Abruzzo, nella casa dei nonni, dove ha trascorso i lunghi mesi estivi della sua infanzia e che ha conservato un posto privilegiato nella sua memoria, nonostante la sua vita girovaga l’abbia portata a vivere a Lecce, Milano, Mosciano S.Angelo, Puebla (Messico), per stabilirsi infine nel cuore di Bologna, in una casa con le finestre affacciate su un parco di abeti.
Ornella è però sempre con la valigia in mano, pronta a partire per un altro viaggio, così come è pronta a cogliere dalla scintilla di un pensiero o di un’immagine fugace l’idea per una nuova storia, un nuovo romance, sempre ricchi di straordinaria tensione narrativa capace di trattenerti con il fiato sospeso fino all’ultima parola in attesa del successivo colpo di scena.

Inventare storie è una passione che ha avuto fin da piccola quando scriveva favole, poesie, racconti, finché a sedici anni ha cominciato a pubblicare collaborando alla narrativa di alcune riviste con una vasta produzione di racconti gialli e rosa.

Inoltre, ha all’attivo 8 romanzi contemporanei per la casa editrice Le Onde con lo pseudonimo di Alba O’Neal, 10 romance storici e una ristampa con Mondadori nella collana I Romanzi. Lo scorso agosto è uscito il il suo undicesimo romance Mondadori “Il cacciatore di dote” Nel 2011 ha pubblicato “L’anello di ferro” con Leggereditore e dallo scorso 0ttobre 2012 è in libreria “L’Oscuro Mosaico“,grazie al quale le sono le sono stati risconosciuti la Targa di merito alla II ediz. del Festival Nazionale Città di Giulianova, il Premio internazionale Castrum Minervae (VIII ediz.) e il Premio “Scrittori con gusto” insignito dall’Accademia Res Aulica (XV ediz.).
XII secolo, Terra d’Otranto. Un nuovo romanzo storico che vede snodare le sue vicende tra Lecce, Castro, Otranto, Gallipoli, Roca Vecchia, e personaggi che hanno popolato e fatto la storia del nostro Paese: re Guglielmo il Malo, circondato da concubine ed eunuchi nella reggia di Palermo, il suo consigliere Maione di Bari, la badessa Emma, la domina Mabilia Accardo, il monaco Pantaleone, e Tancredi di Altavilla.

I tasselli del mosaico pavimentale della cattedrale di Otranto nascondono le soluzioni ad efferati delitti che vedranno coinvolti un guerriero impavido, Livio, e un investigatore saraceno di nome Yusuf.

Il fiero Livio è innamorato della bellissima e nobile Mirta, promessa al cugino, ma è deciso a conoscerla ed è disposto a tutto. Viene però catturato e punito con ferocia.

Anni dopo Livio è divenuto un cavaliere invincibile, la cui fama lo precede, però lui non ha dimenticato né i suoi nemici né Mirta.

Quando i loro destini si incrociano di nuovo, tuttavia Livio viene coinvolto nei misteriosi assassinii di due giovani donne e sarà il saraceno Yusuf Hanifa a intuire che la soluzione dei delitti si nasconde tra gli inquietanti mosaici della cattedrale d’Otranto.

Tra crudeli delitti, separazioni e vendette, Livio e Mirta riusciranno forse a superare tutti gli ostacoli che si frappongono alla realizzazione del loro amore.

«Quando mi chiedono cosa serve per scrivere una bella storia, io rispondo sempre il cuore. La mente è importante perché supporta il lavoro, disciplina il sentimento per smussare gli eccessi, crea il perfetto congegno della trama, suggerisce l’ironia. Ma tutto va scritto col cuore. Forse non si creerà il best-seller, ma sicuramente si raggiungeranno altri cuori» (Ornella Albanese)

Ha partecipato, fin dalla prima edizione, al seguitissimo evento “La Vie en Rose”, organizzato dal Juneross blog, da Silvia Basile e Caterina Caracciolo. È stata ospite del Women’s Fiction Festival di Matera, e di Più libri, più liberi, fiera dell’editoria di Roma e del Festival Nazionale della Letteratura Città di Giulianova. Ha collaborato regolarmente alla Romance Magazine, edita da Franco Forte, ed è stata intervistata da Telenorba, Radio G, e dai più importanti blog di riferimento.
Sul suo sito web si possono trovare notizie sull’attività letteraria della scrittrice, pagine tratte dai suoi romanzi, racconti dedicati alle lettrici, ma anche i contatti per poter scrivere a una delle più stimate autrici italiane di romance. Ornella è anche su facebook.

Antonella Senese



Componente di giuria

Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha conseguito un Master in Editoria e uno in Giornalismo musicale e ha frequentato un corso di specializzazione in Traduzione Letteraria.

Titolare e Direttrice editoriale della Libro Aperto Edizioni, casa editrice indipendente romana molto attenta agli scrittori emergenti e alle nuove tecnologie applicate al mondo dell’editoria.

Ha lavorato come traduttrice, articolista freelance, redattrice in alcune testate giornalistiche online e in un giornale locale dei Castelli Romani. Si occupa di traduzioni, editing e scouting per la casa editrice, inoltre coordina l’attività della OpenBook Literary Agency, agenzia letteraria impegnata nella rappresentanza editoriale sia in Italia che all’estero.

Autrice dei romanzi Un Attimo eterno da rivivere all’infinito (2010), Le Parole che restano (2012) e della raccolta poetica Scrivere in una notte d’inverno (2012).  Poetessa moderna, divoratrice di libri, amante della cultura e della buona musica.

 

 

Rossella Bufano

rossella Bufano

Componente di giuria

Nata a Martina Franca (TA), ha conseguito gli studi universitari a Lecce, dove vive. Redattrice, correttrice bozze e coordinatrice di prodotti editoriali, turistici e promozionali per privati, case editrici ed enti.

È giornalista pubblicista e direttrice della rivista on line Ripensandoci (www.ripensandoci.com), oltre a essere esperta in comunicazione e ufficio stampa e docente dei laboratori: “Multimediale di editing: il redattore in case editrici, testate giornalistiche e on line”, “Il correttore di bozze”, “Giornalismo on line”, “Comunicazione e ufficio stampa” organizzati da Edita.

Attualmente si occupa di ricerca storico-politica e genere presso l’Università del Salento, dove è componente del Centro Studi Osservatorio Donna. È stata membro di giuria di altri concorsi letterari.

 

 

Gabriella Parisi

Parisi

Componente di giuria

E’ nata a Lecce, dove ha sempre vissuto.
Legge da sempre e ama tutti i generi letterari. Può affermare di aver visitato innumerevoli luoghi, reali e immaginari, e numerosissime epoche sia passate che future, grazie alla letteratura.

Una particolare predilezione riveste l’Inghilterra Regency, quella della sua amatissima Jane Austen, di cui continua a rileggere periodicamente tutti i romanzi e gli scritti. Confessa apertamente di non essere una purista e di sorbirsi volentieri ogni genere di romanzo e saggio a Lei ispirato, vantando anche qualche modesto tentativo di entrare nelle schiere dei cosiddetti Austen Authors. Il suo blog, Old Friends & New Fancies si dedica proprio a Jane Austen e a tutto quel che le ruota attorno (http://oldfriendsnewfancies.blogspot.it/). È uno dei cinque membri fondatori della JASIT (Jane Austen Society of Italy http://www.jasit.it/).

Fa parte della redazione del blog Diario di Pensieri Persi, di cui è attualmente Capo-Redattrice. (http://www.diariodipensieripersi.it/) e della redazione di Speechless Magazine, un magazine di Letteratura, Editoria, Cinema e Serie TV (http://speechlessmagazine.altervista.org/) che in un anno, con soli 3 numeri, più il numero 0, ha superato i sette milioni di visualizzazioni.
È collaboratrice esterna di Harlequin Mondadori e ha tradotto Il diario di Mr. Darcy di Amanda Grange per Tre60 e Jane Austen: i luoghi e gli amici di Constance Hill per Jo March.

Raffaele Polo

polo

Componente di giuria

Nasce a Piacenza il 2 aprile 1952, ma vive e lavora a Lecce. Laureato in Lettere e in Pedagogia, è pubblicista dal 1978.

Ha cominciato la sua attività di scrittore nel 1985, scrivendo testi pubblicati da case editrici come Cingolani Editore, Edizioni del Grifo, Editore La Notizia, Acustica Edizioni, Lupo Editore e Edizioni Antica Roma.

“Sono un giornalista. Un giornalista e uno scrittore. Quando presento un libro, davanti a uno sparuto gruppo di persone, c’è sempre qualcuno che mi definisce scrittore. E io, allora, inarco le sopracciglia, come se fossi turbato e non gradissi quelle parole. Che non sento di meritare perché, penso, chi fa esclusivamente per professione il giornalista o lo scrittore può essere considerato veramente un membro di questa categoria” scrive di sé Raffaele Polo.

“Io sono pubblicista, cioè scrivo ogni tanto un ‘pezzo’ sul Quotidiano, nella pagina che non legge nessuno, la pagina culturale.

E poi ho pubblicato un po’ di libri. Racconti e qualche scritto fantastico ambientato nel Salento, per cercare di colmare una lacuna che, anni fa, era evidente: nessuno scriveva storie ambientate da noi. Quasi a voler significare che il Salento non poteva avere dignità letteraria. Nel mio piccolo, poiché pensavo che non fosse così, ho cominciato a parlare di Lecce, di luoghi e persone della nostra terra.

E allora sono diventato scrittore.

In realtà, io lavoro in un ufficio delle tasse, mi autodefinisco ‘impiegato d’imposte’, proprio come in un bel romanzo di Nino Palombo”.

Il suo sito è http://raffaelepolo.jimdo.com

 

STRISCIA 3 BASSO